SALA GRIGIO ANTRACITE
notizie e informazioni dal mondo scelte dall'Associazione Culturale Quintiliano






ULTIMISSIME

martedì 26 febbraio 2013

ELEZIONI 2013

Lo tsunami

 

Bersani vince di misura alla Camera contro Berlusconi. Boom di Grillo: M5S primo partito. A Monti il 10%

Si è finalmente conclusa la convulsa giornata elettorale, i cui risultati finali indicano Bersani come futuro presidente del Consiglio e la coalizione di centrosinistra a capo della Camera, con una risicati sisma maggioranza del 29, 55%, contro il 29,15 del centrodestra. Un risultato assolutamente deludente rispetto alle aspettative, specie se si considerano le scissioni interne al Pdl, la mancanza di fiducia espressa chiaramente dall’Europa nei confronti di Berlusconi (richiamata oggi dallo stesso Schulz, ironicamente soprannominato Kapò dal Cavaliere durante uno dei suoi show al Parlamento Europeo), e tutte le grane giudiziarie dell’ex premier. Eppure, è stato uno attenuante testa a testa tra Pdl e Pd, che ha visto Berlusconi rimontare clamorosamente nelle ultime ore, sopprattutto grazie ai voti ottenuti in Lombardia, Campania e Sicilia.
Da sottolineare tre aspetti del risultato delle urne.
Primo: nessun partito ha ottenuto la maggioranza in Senato. Non è stato infatti raggiunto infatti il quorum dei 158 seggi necessari (quelli necessari per ottenere più della metà di quelli totali). Il Pd si è fermato a 123, il Pdl a 118, con a seguire i 53 dei M5S e i 19 di Lista civica.
Risultato: o il Pdl e il Pd optano per una politica di compromessi, o l’Italia sarà un paese ingovernabile, e l’unica soluzione possibile sarà il ritorno al voto. E in un momento così delicato, in cui servono riforme condivise per uscire definitivamente dalla crisi e dare il via ad una progressiva crescita economica, avere un governo instabile può avere delle gravi conseguenze sui mercati finanziari e sulla crescita dello Sread. Ma auspicare un accordo tra Berlusconi e la sinistra, che da anni, in seguito ai pesanti e indiscriminati attacchi del Cavaliere, dichiarano di non voler assolutamente collaborare, è quasi un’utopia.
Secondo: il Movimento 5 stelle è ufficialmente il primo partito in Italia. Ha ottenuto il
25,54% dei voti, superando di 4 punti il Pdl e di 0,1 il Pd. Un vero boom, di cui lo stesso Napolitano aveva sottovalutato la portata mesi fa, e che invece si rivela una forza chiave per il governo del Paese. In primo luogo perché manifesta un forte desiderio di cambiamento da parte dei cittadini, di malcontento nei confronti della vecchia classe dirigente; poi perchè, se si alleasse con qualunque delle coalizioni all’interno della Camera, determinerebbe quale sia veramente la maggioranza al governo. Per ora, Grillo, il fondatore, ha sempre dispensato critiche a tutti i partiti, ma non ha mai dichiarato a quale ideologia politica si sente appartenere. Continuerà a mantenete il distacco dai partiti? Staremo a vedere.
Infine: il “centro” è crollato, la curiosa alleanza Monti-Fini-Casini si è rivelata un fallimento. Monti è riuscito ad ottenere il 10%, ma Fini e Casini, ottenendo entrambi meno del 2%, con il risultato di essere esclusi totalmente dall’ottenere un seggio in Parlamento. Stessa sorte tocca a Ingroia, che attacca il Pd e i media sostenendo di essere stato “oscurato”, e, come era prevedibile, Giannino. L’amarezza nelle parole di Monti è palpabile, ma traspare un sincero apprezzamento e una gratitudine quasi commovente nei confronti di chi ha capito che i sacrifici imposti dal governo “dei professorini” avevano come scopo il Bene comune, e che hanno mostrato senso civico nel sostenerlo col proprio voto, facendo prevalere “l’amor di patria” sull’egoismo di chi bada solo ai propri interessi.
di Edoardo Schiesari (da Retrooline)
Pubblicato su richiesta dell'autore
 
Pierluigi Bersani incontra gli elettori al Mercato di Corso Racconigi a Torino
Pierluigi Bersani incontra gli elettori al Mercato di Corso Racconigi a Torino

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=yJbP0TA-s7I

lunedì 11 febbraio 2013

IL PAPA LASCIA IL PONTIFICATO

Ratzinger il 28 febbraio alle ore 20 

abdica

Ha chiesto il conclave per il suo successore. 
Marco Politi ("La Repubblica"): La più grande riforma del suo pontificato.
 Lascia"in piena libertà", 
non come Celestino V.  Motivi ufficiali: l'età avanzata e le forze mancanti.
Consapevole della gravità del suo atto. 
Il Conclave si terrà a marzo.
Sodano: "Fulmine a ciel sereno".
Monti e Merkel ovviamente turbati.

giovedì 20 dicembre 2012

COPERNICO E LUXEMBURG CANCEROGENI

La Provincia chiude il Luxemburg e il Copernico, studenti delusi

 

Alla fine la Provincia ha deciso di chiudere le due scuole. A nulla è servita la manifestazione degli studenti. Per la bonifica potrebbero volerci nove mesi

da TORINO TODAY del 19 dicembre 2012


Storie Correlate

La Provincia di Torino ha deciso cha le scuole Luxemburg e Copernico non potevano continuare a rimanere aperte dopo che l'Asl ha riscontrato, analizzando parte dei controsoffitti, la presenza di lana di vetro, un elemento potenzialmente cancerogeno.
A nulla è servita la manifestazione degli studenti dei due istituti, che proprio oggi erano scesi in piazza per chiedere la bonifica nelle prossime vacanze estive. Proprio gli studenti si dicono "delusi e disperati" dalla decisione della Provincia, aggiungendo che hanno "perso la fiducia nelle istituzioni".


Non è ancora chiaro per quanto tempo il Luxemburg e il Copernico dovranno stare chiusi, secondo gli studenti rimasti fuori dalla sede provinciale la bonifica potrebbe portare via anche nove mesi. C'è una perizia del Cto che dice che la composizione di quella lana di vetro fa sì che non sia cancerogena, a differenza di quanto sostiene quella effettuata dall'Arpa. Abbiamo provato a dirlo in ogni modo, ma si è voluto ascoltare soltanto il parere dell'Asl e della Procura che chiedevano la chiusura". Negli istituti proseguirà a oltranza l'occupazione in atto da alcuni giorni.

sabato 19 maggio 2012

Strage alla scuola Morvillo-Falcone (Brindisi)


2 bombole a gas sul muretto esplodono alle 7.45.

Morta una studentessa sedicenne alle 9.15. La notizia della morte della seconda ragazza, ferita gravissimamente all'addome, prima diffusa dalla Gazzetta del Mezzogiorno, è stata confermata dall'ANSA solo alle 12; alle ore 12.30 la notizia viene smentita dal governatore della Puglia, Vendola, e dal nosocomio in cui è in corso l'operazione chirurgica: i polmoni respirano autonomamente. Altri 7 studenti feriti.

Listate a lutto anche Torino e Roma.

"Attacco della criminalità organizzata senza precedenti".

"Tragedia inaudita".

Don Ciotti, in viaggio con la carovana antimafia di Libera: "Bisogna fare molto di più contro le mafie, occorre una svolta".

19.05.2012 Nel ventennale della strage di Capaci.


 Evacuate tutte le scuole in città.

La scuola vicina al Tribunale e alla sede della CGIL: attacco premeditato che vuol colpire la civiltà dalle istituzioni, e fa strage dei giovani.

Vertice antimafia in Procura.




Ordigno davanti scuola,muore studentessa

(ANSA) - ROMA, 19 MAG - Un ordigno è esploso poco prima delle 8 questa mattina davanti all'Istituto professionale 'Morvillo-Falcone' di Brindisi. Una studentessa morta e 8 studenti sono rimasti feriti. L'esplosione è avvenuta in via Galanti, non lontano dal tribunale.
 19 maggio, ore 09:36
Brindisi - (Adnkronos/Ign) - Due deflagrazioni, poco prima le otto del mattino, davanti all'istituto Morvillo Falcone, intitolato alla moglie del giudice ucciso nell'attentato del '92, mentre i ragazzi stavano per entrare. Si trova nei pressi del Tribunale. Sul posto le forze dell'ordine hanno transennato la zona

mercoledì 21 marzo 2012

ATTENTATO A TORINO A MUSY: E' GRAVE

dalla rete
Alberto Musy
Il consigliere comunale di Torino Alberto Musy e' stato ferito da tre colpi di pistola, due al braccio e uno alla spalla. E' successo sotto casa sua, in via Barbaroux, nel centro della citta'. Musy e' stato trasportato all'ospedale Molinette di Torino, le sue condizioni sarebbero gravi. Musy è noto sulla scena politica del capoluogo piemontese perchè si era candidato a sindaco di Torino alle ultime amministrative per il terzo polo.
L'attentatore, che indossava un casco integrale, si e' fatto aprire il portone di casa da un vicino con il pretesto di consegnare un pacco e, una volta entrato nel cortile, ha poi incontrato Musy che stava rientrando, perche' aveva appena accompagnato la figlia a scuola. Squadra Mobile e Digos della Polizia di Torino stanno ascoltando tutte le testimonianze utili alla ricostruzione dell'agguato e all'individuazione di un possibile movente. Al momento non si esclude alcuna pista.
Calabresi su Twitter
In un primo messaggio, il direttore de La Stampa, Mario Calabresi definisce Musy "uomo del dialogo". E pochi minuti dopo osserva: 'Non sappiamo nulla dei motivi dell'attentato a Musy ma un professore colpito sotto casa e' il film peggiore del Paese e fa grande angoscia".
 Musi, noto avvocato
Professore universitario e avvocato, 44 anni, Alberto Musy e' capogruppo dell'Udc nel consiglio comunale di Torino. Lo scorso anno e' stato candidato sindaco della citta' per il Terzo Polo.
Studi a Berkeley, Musy insegna Diritto privato comparato alla Universita' del Piemonte Orientale di Novara e si occupa principalmente di armonizzazione del diritto privato comunitario, diritto contrattuale e societario comparato, metodologia giuridica.
Ha lavorato diversi anni a Milano come avvocato d'affari. Da alcuni e' tornato a Torino dove ha rimesso in piedi il vecchio studio di famiglia con la sorella Antonella. Il padre di Musy e' stato un giuslavorista molto noto a Torino.
(fonte: Rainews)

Torino, agguato ad Alberto Musy

Aggressione nel cuore della città
Il politico in condizioni gravi alle
Molinette. Caccia a un uomo
con casco e impermeabile scuri

(fonte: LA STAMPA)